Tosilab
itesen
Share This
Tosilab
Scroll Down
//Ripartenza e trend analysis

Ripartenza e trend analysis

In un anno surreale e segnato dall’emergenza sanitaria, il mondo del design, così come tutti gli altri settori, è in cerca di risposte per capire come fronteggiare la nuova fase che abbiamo difronte, che certamente porterà con sé considerevoli cambiamenti nelle abitudini dei consumatori.

Tuttavia riteniamo che l’analisi predittiva delle tendenze resterà sempre la bussola per le scelte di marketing oculate che le aziende dovranno percorrere.

All’inizio di questo 2020 e prima del freeze globale, il trendwatching team di Tosilab ha avuto modo di visitare alcune delle più importanti fiere di design, superfici e materie, portando a casa contenuti e considerazioni grazie ai quali scattare l’istantanea del settore.

In questo e nei prossimi articoli vi racconteremo cosa abbiamo visto, percepito e analizzato, portando a supporto degli esempi tratti dai pianeti dell’interior design, del decor, del retail, dall’hospitality, dagli spazi di lavoro, dagli ambienti pubblici e privati. Ci piacerebbe indagare con voi sulle direzioni emergenti, per capire quali intraprenderemo nei prossimi mesi.

Kelly Wearstler: fra eclettismo, stravaganza e contaminazione

Per descrivere la prima tendenza, abbiamo preso spunto da una serie di ambienti multiformi, enciclopedici, ricchi di interazioni interessanti fra elementi diversi. Sono gli straordinari interni di Kelly Wearstler, progettista eccentrica, onirica e scenografica, estremamente fuori dagli schemi. Definita da The New Yorker come “l’indiscussa grande dame del design d’interni della West Coast”, Kelly Wearstler racchiude in sé una raffinatezza singolare e spirito contemporaneo, con un cenno al passato e uno sguardo al futuro.

La sua cifra stilistica è emblematica di una tendenza forte, caratterizzata dalla contaminazione stravagante che porta all’estremo l’originalità estetica, all’insegna del “mai troppo”. Colori forti, pattern sopra le righe, materiali naturali con design opulenti concorrono alla creazione di una vera teatralità dei suoi progetti. La sovrapposizione di elementi eterogenei, rendono questi ambienti dal sapore un po’ bohémien, un po’ radical chic, un tripudio di stili che entrano in un dialogo unico.

Ecco una serie di ambienti progettati da Kelly Wearstler.

Per vedere le foto dalle fiere che abbiamo visitato, vai sulla pagina Trendwatching.

  • 0 Comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Contacts
Close